Pisa. Due istituzioni per un monumento.

Dott.ssa Francesca Pupi

Il conflitto tra l’Operaio della Primaziale e il Conservatore del Camposanto nella prima metà dell’Ottocento.

La ricerca archivistica relativa agli anni dal 1800 al 1860 si è concentrata quasi esclusivamente sullo spoglio sistematico del Fondo del Comune di tale periodo conservato presso l’Archivio di Stato di Pisa [1]. L’analisi delle delibere del Consiglio comunale e degli atti ad esse relativi (ossia le lettere, le relazioni, i rapporti presentati durante le adunanze) ha permesso di produrre una ‘mappa’ di superficie non solo dei più importanti episodi in materia di tutela di quelli che noi oggi chiamiamo beni culturali, ma anche di certe dinamiche istituzionali ad essi collegate. Tra queste risulta interessante concentrarsi sull’analisi del rapporto tra due cariche istituzionali cittadine, l’una di antica istituzione, l’altra decisamente più recente: quella dell’Operaio della Primaziale e quella del Conservatore del Camposanto. Questo perché non solo esse risultano davvero protagoniste di episodi fondamentali per tracciare la storia del patrimonio artistico cittadino, ma anche perché la conflittualità di tale rapporto non si esaurì nel corso di pochi anni ma durò a lungo.

 

Per leggere interamente il testo del contributo, in formato pdf, cliccare qui
 
Piazza dei Cavalieri, 3 - 56126 Pisa - Italia
tel: (0039) 050.509722 E-mail:municipalia@sns.it